News

Monia Baccaille trionfa al Grand Prix de Dottignies e si prende la rivincita

03/04/2012

Dopo il secondo posto del 2011, l’ex campionessa italiana centra la vittoria.
Arriva così il primo alloro stagionale, in terra “straniera”, per le ragazze giallo-fluo.


Lo scorso anno fu Emma Johansson a bruciare allo sprint Monia Baccaille.
Quest’anno i ruoli si sono invertiti e l’atleta perugina si è presa la rivincita,
tagliando per prima il traguardo
e costringendo la svedese al secondo posto.
Stavolta lo sprint di Monia Baccaille è stato perfetto e il Grand Prix de Dottignies,
dopo un anno di attesa, è suo, a suo modo, con una volata ben preparata,
grazie ad un ottimo gioco di squadra, e magistralmente finalizzata.

Arriva così, in terra belga, la prima vittoria stagionale fuori dai confini italiani
per le ragazze della MCipollini – Giambenini – Gauss che, dopo aver conquistato
tanti buoni piazzamenti, centrano il gradino più alto del podio.
Lo fanno a conclusione di una corsa vissuta, ancora una volta, da protagoniste,
con i colori giallo-fluo a fare la gara ed avvicendarsi in testa.
Marta Bastianelli subito dopo il via, poi Alessandra Borchi e Marta Tagliaferro
hanno provato l’allungo, anche per testare la condizione delle avversarie,
in una corsa molto combattuta fatta di continui attacchi e contrattacchi.
Vanificati tutti i tentativi di fuga, entra in azione il treno
MCipollini-Giambenini-Gauss per mettere Monia Baccaille
nelle condizioni migliori per lo sprint. Lei non sbaglia e si prende
una meritata rivincita. “Finalmente: dopo il terzo ed il secondo posto
sono riuscita ad arrivare sul gradino più alto del podio di questa corsa.
Devo ringraziare tutta la squadra che ha lavorato molto bene
e mi ha messo nelle condizioni ideali per fare la volata”.

Molto soddisfatto il Direttore Sportivo Luisiana Pegoraro:
“Eravamo partite per questa trasferta in Belgio con la determinazione
di tornare a casa con qualcosa di importante.
Ieri, nella Ronde Van Vlaanderen, non ci siamo riuscite, oggi però
abbiamo ripagato i nostri tifosi. Dopo tante ottime prestazioni,
non coronate però dal trionfo finale, questo risultato
è il giusto riconoscimento del lavoro che stiamo facendo.
Era importante confermarsi con una vittoria, dopo la doppietta
Zorzi-Jasinska a Vaiano, e cominciare a vincere anche fuori
dai confini italiani. Sicuramente questo successo ci darà
la carica giusta per puntare ad altri risultati importanti”.